Farmacie di Turno

Settimana dal 22/01 al 28/01/2017

FARMACIA SEPE 

Piazza Umberto I, 48

Atripalda - Tel. 0825 626367
ORARI DI APERTURA

Domenica  chiuso
Lunedì 08:00 - 13:30 16:00 - 20:30
Martedì 08:00 - 13:30 16:00 - 20:30
Mercoledì 08:00 - 13:30 16:00 - 20:30
Giovedì 08:00 - 13:30 16:00 - 20:30
Venerdì 08:00 - 13:30 16:00 - 20:30
Sabato  chiuso

 

FARMACIA CAPOZZI

Via Aversa, 113

Atripalda - Tel. 0825 610299

ORARI DI APERTURA

Domenica 00:00 -  24:00
Lunedì 07:30 - 13:30 15:30 - 20:30
Martedì 07:30 - 13:30 15:30 - 20:30
Mercoledì 07:30 - 13:30 15:30 - 20:30
Giovedì 07:30 - 13:30 15:30 - 20:30
Venerdì 07:30 - 13:30 15:30 - 20:30
Sabato  chiuso

 

FARMACIA CENTRALE

Via Piazza, 3/5

Atripalda - Tel. 0825 626233

ORARI DI APERTURA

Domenica  chiuso
Lunedì 08:30 -13:00  16:00 -20:30
Martedì 08:30 -13:00  16:00 -20:30
Mercoledì 08:30 -13:00  16:00 -20:30
Giovedì 08:30 -13:00  16:00 -20:30
Venerdì 08:30 -13:00  16:00 -20:30
Sabato chiuso

  FARMACIA SANTA RITA

Via Appia, 64

Atripalda Tel. 0825 626355

ORARI DI APERTURA

Domenica  chiuso
Lunedì  00:00 -13:00  16:00 -20:00
Martedì 09:00 - 13:00 16:00 - 20:00
Mercoledì 09:00 - 13:00 16:00 - 20:00
Giovedì 09:00 - 13:00 16:00 - 20:00
Venerdì 09:00 - 13:00 16:00 - 20:00
Sabato   chiuso

 

 

powered ByGiro.com

powered ByGiro.com

    powered ByGiro.com

    5 x Mille
    Italian English

    Abellinum

    I resti dell'antica città di Abellinum occupano l'attuale pianoro della "Civita", a nord-ovest dell'odierna Atripalda, sulla riva sinistra del fiume Sabato. Prima della conquista romana la Valle del sabato fu abitata dalla tribù sannitica degli Hirpini, cui doveva appartenere il gruppo degli Abellinates, identificati come abitanti di Abellinum in età sannitica. 

    La collina della Civita, infatti ha restituito materiali votivi che possono far ipotizzare l'uso della collina come "area sacra", fortificata da una cinta muraria di tipo sannitico, che attesta l'esistenza di un luogo di aggregazione degli Abellinates rispetto ai villaggi della valle. In età romana venne fondata la città vera e propria che nel toponimo conservò la sua discendenza sannitica. In età augustea la colonia visse il periodo del suo massimo splendore con la costruzione del complesso delle mura e degli edifici pubblici, quali l'anfiteatro e le terme, nonché la costruzione del grande acquedotto romano alle sorgenti del Serino. Per l'età che segue, fino alla metà del IV sec. d.c., scarse sono le informazioni sulla vita del centro, fino alla fase di graduale abbandono per il sopraggiungere della guerra greco-gotica fino alla conquista longobarda nel VII secolo. L'impianto urbano dell'antica Abellinum, la cui estensione è di circa 25 ettari, è delimitato da una cinta muraria di 2 km risalente all'età tardo-repubblicana. All'interno della cinta muraria, sul lato est, è situata l'area interessata dai complessi pubblici: il foro e le terme. Del complesso termale, che si può osservare sulla destra risalendo il pendio, si conservano le tegole tubolari dell'ambiente caldo (calidarium) sul quale poggia la ben nota "Torre degli Orefici". Nella zona nord-orientale della Civita è venuto alla luce un importante complesso residenziale delimitato da un decumano maggiore e da un cardo minore. La domus di tipo ellenistico pompeiano ha un 'estensione di circa 2500 mq ed è appartenuta nel periodo iniziale dell'impero a Marcus Vipsanius primigenius, liberto di Vipsanio Agrippa, genero di Augusto, come attesta il ritrovamento di un sigillo di bronzo. molti reperti ritrovati durante lo scavo del sito sono conservati presso la Dogana dei Grani di Atripalda.

    Abellinum